Stampa

siamo lieti di informarvi in merito a un’importante iniziativa di divulgazione della psicologia a livello sociale che a partire da questa settimana si terrà in diverse città del Friuli Venezia Giulia e che vede coinvolti diversi soci e simpatizzanti di Cultura e Professione.
Si tratta del primo Festival della Psicologia in Friuli Venezia Giulia organizzato dall'Associazione Psicoattività grazie al contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.
Il Festival nasce con l’obiettivo di sviluppare nelle persone una conoscenza e una sensibilità verso i temi di natura psicologica in modo da migliorare la qualità della vita degli individui, dei gruppi e della comunità. L’evento, sotto la direzione scientifica di Claudio Tonzar, accosta eventi scientifici e artistici focalizzati sul rapporto tra la figura di Leonardo da Vinci e la psicologia.
Il programma si estende su otto giornate tra il 10 ottobre e il 10 novembre 2019.
Le prime cinque giornate (il 10 ottobre a Udine, l'11 a Gorizia e Nova Gorica, il 17 a Pordenone, il 29 a Gradisca d’Isonzo, il 31 a Palmanova) affrontano, sempre partendo dal genio di Vinci, diversi temi della psicologia, accostando incontri e conferenze scientifiche e divulgative a concerti e piéce teatrali.
Al centro degli eventi ci sono: il rapporto tra genialità, talento e disturbi; le relazioni tra la psicologia della percezione e l’arte; il ragionamento umano e l’intuizione; il rapporto tra architettura e psicologia; il processo psicologico della fruizione estetica dell'arte.
Seguiranno tre intense giornate triestine - 8, 9 e 10 novembre
 - che godono del patrocinio di ProEsof e che hanno il compito di sviscerare (attraverso approfonditi simposi, convegni e conferenze sempre accostati a spettacoli teatrali, concerti e una mostra itinerante) le sopra citate tematiche ampliando la visuale con una panoramica di alcuni nuovi ambiti di applicazione della psicologia ai contesti di vita delle persone come psicologia e benessere lavorativo, psicologia e giustizia, psicologia ed emergenze, psicologia e fertilità, psicologia e alimentazione, psicologia e sport.
Sono oltre 40 gli studiosi coinvolti nei numerosi interventi  e oltre una ventina
 tra attori, musicisti, artisti multimediali, impegnati in sette appuntamenti tra musica, teatro e arti visive.
Per tutta la durata del Festival, e in quasi tutte le sue sedi, è visitabile la mostra «Il pittore deve studiare con regola». Arte e psicologia della visione in Leonardo da Vinci con lo sguardo di Alberto Argenton e della Scuola di Psicologia della Gestalt dell’Università di Trieste; la curatela è di Laura Messina Argenton e Tamara Prest.
Tutti gli eventi, sia scientifici che artistici/culturali, sono a ingresso libero e gratuito.
 
APERTURA: GIOVEDì 10 OTTOBRE A UDINE
 
Per il primo appuntamento, giovedì 10 ottobre, a Udine, nella Sala Ajace, a partire dalle 17.30 è attesa la conferenza “Genialità e disturbi possono coesistere. Leonardo tra plusdotazione intellettiva, disturbi specifici dell’apprendimento, deficit dell’attenzione e iperattività”  un evento con la direzione scientifica di Nerina Fabbro. I diversi interventi pongono l'accento su come la genialità possa non essere accezione solo positiva, ma rechi talvolta degli scompensi personali sull'apprendimento e sullo stato emotivo. Alle 19.30 inaugura la mostra «Il pittore deve studiare con regola». Arte e psicologia della visione in Leonardo da Vinci con lo sguardo di Alberto Argenton e della Scuola di Psicologia della Gestalt dell’Università di Trieste, curata da Laura Messina Argenton e Tamara Prest. La mostra vuole porre in luce le affinità tra le speculazioni di Leonardo sulla scienza della pittura e sugli aspetti del suo operato artistico e la ricerca in psicologia dell’arte e in psicologia della percezione di impronta gestaltista. A cura dell'Associazione Examina di Gorizia, alle 21 è attesa la proiezione del film “Gifted - Il dono del talento” (2017, Marc Webb), che tratta della problematica e delle potenzialità di una "bambina prodigio".
 
SECONDO APPUNTAMENTO: VENERDIì 11 OTTOBRE A GORIZIA E NOVA GORICA
 
Venerdì 11 ottobre il Festival si sposta tra Gorizia e Nova Gorica (Slovenia). Alle 17.30 nella sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia (via Carducci, 2), Andrea Manfrinati parla di "Intuizione e ragione nelle decisioni umane". Alle 20, nella magnifica dimora del Castello di Kromberk a Nova Gorica (Slovenia), Valentina Danelon (violino) e Matteo Andri (pianoforte) si esibiscono in concerto con musiche di Chopin, Liszt, Beethoven e dello stesso Andri: il fil rouge del programma è ispirato alla tematica della compresenza tra genio e disabilità, come ben esemplificato dalla sordità di Beethoven e dalla presenza di disequilibri emotivi e psicologici in molti tra i geni della letteratura musicale europea (tra gli altri lo stesso Franz Liszt). La serata è organizzata in partnership con Associazione Progetto Musica (Udine), Fondazione Luigi Bon (Tavagnacco, Ud) e in collaborazione con Javni zavod Kulturni dom, Nova Gorica (Slo), Goriški muzej Kromberk - Nova Gorica (Slo).
Se volete sostenere e sviluppare l’immagine sociale della psicologia nella nostra regione diffondente l’iniziativa ai vostri contatti e inserite un “mi piace” nella pagina Facebook del Festival: www.facebook.com/festivaldellapsicologiafvg
 
Ci vediamo al Festival!
 
I soci di Cultura e Professione FVG